Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Restauro italiano della Zona Coloniale della capitale Santo Domingo

È stato presentato a Casa d’Italia il programma dei lavori per il completo restauro della Zona Coloniale di Santo Domingo – patrimonio UNESCO dell’umanità – affidato allo studio specializzato italiano Donadello&Partners a seguito di una combattuta gara internazionale, indetta dal governo dominicano.

I lavori comprendono la casa di Colombo, il museo della Casa reale, il Pantheon, le facciate di 13 chiese e di 120 edifici privati di particolare pregio architettonico, e dureranno 3 anni.

Lo studio Donadello ha al suo attivo il restauro dell’acquedotto Claudio, dell’arena di Verona, del ponte di Rialto, del centro storico di Valencia, e l’adattamento sismico di Palazzo Chigi, sede del governo italiano.

Erano presenti all’evento il Vice Ministro degli Esteri De la Mota e il Vice Ministro della Cultura, Michelin, insieme agli ambasciatori comunitari e ad esponenti della comunità italiana.

L’ambasciatore, Stefano Queirolo Palmas, ha ricordato l’importanza della scuola italiana della conservazione del patrimonio e il perdurante primato nazionale in tema di numero di siti UNESCO ospitati dal nostro Paese.

I lavori verranno accompagnati e resi possibili anche grazie ad una parallela azione di formazione di architetti, ingegneri e maestranze specializzate in restauro del patrimonio, attività posta in essere grazie al fattivo interessamento del Cav. Rosanna Rivera, personalità del mondo dell’informazione, che ha coordinato l’intervento di importanti patrocini privati.